Action Cake! In memoria di Jackson Pollock

CakeOperaQuesta è la mia ricetta per il contest “Ricette a regola d’arte” promosso dal Blog Panelibrienuvole, una sfida intrigante di presentare un piatto ispirato ad un’opera d’arte

Mi piaceva l’idea di ricordare questo artista statunitense, che a me è sempre piaciuto per la straordinaria potenza espressiva. Non a caso considerato forse il più significativo rappresentante dell’Action Painting, relativamente a lui mi piace raccontarvi un episodio. Verso la fine degli anni ’70, a Parigi, splendida in quegli anni, con amici in una mostra dedicata all’autore, rimanemmo a dir poco incantati davanti alla forza che le sue opere erano in grado di trasmettere all’istante a chi si poneva davanti. Decidemmo quindi a mo’ di ricordo di queste forti emozioni di fotografarci davanti ad una di queste tele vestiti tutti nello stesso identico modo, passandoci a turno giacca, sciarpa e occhiali. Praticamente quello che oggi chiameremmo “selfie”, non erano foto digitali, ma le vecchie diapositive che poi facemmo stampare … le conservo ancora ovviamente!
Ma veniamo alla ricetta. Per ricordare l’opera che vedete nella foto, vista la sua cromia, ho pensato immediatamente a realizzare una base di torta al cioccolato, da decorare poi con la sac a poche a beccuccio fine, a mo’ di tubetto di colore. Quindi restava da decidere con quale sostanza commestibile realizzare alcuni dei colori presenti nel quadro.

Queste le decisioni e il procedimento

Per la Torta
Ingredienti: 120 gr di farina, 15 gr di cacao amaro in polvere, 100 gr di zucchero, 3 uova, 100 ml di latte, 20 gr di burro, 1/2 di lievito per dolci

Per la decorazione Action
crema pasticcera per il Giallo – riduzione di succo di arancia per l’Arancio – ricotta al miele di castagno per il Bianco – cioccolato fondente per il Nero – frammenti di foglie di menta per il Verde.
Ingredienti: 100 ml di latte, 30 gr di zucchero, 10 gr di farina, 1 uovo, un pezzetto di scorza di limone – il succo di una arancia – 50 gr di ricotta, 1 cucchiaino di miele di castagno – 30 gr di cioccolato fondente – foglie di menta

Procedimento
La Torta – Separo i tuorli i tuorli dagli albumi e li monto a neve. Sbatto per qualche minuto i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida. Aggiungo il burro lasciato ammorbidire in precedenza fuori dal frigo e continuando a mescolare unisco anche latte, farina, lievito e cacao. Fatto questo incorporo dleicatamente gli albumi montati al composto. Rivesto la pirofila quadrata di carta da forno e ci verso il composto livellandone la superficie. Cottura in forno a 160 gradi per circa mezz’ora. Finita la cottura, mentre raffredda preparo i materiali per la decorazione.
La decorazione Action – Crema pasticcera ricetta classica e applicata con sac a poche, riduzione di succo d’arancia ottenuta facendo bollire il succo fino a riduzione in crema e applicata per gocciolamento con cucchiaino, ricotta al miele di castagno ottenuta mescolando ricotta e miele e applicata con sac a poche, cioccolato fondente reso liquido a bagnomaria e applicato per gocciolamento con cucchiaino, frammenti di foglie di menta appoggiati in superficie.
E speriamo che Jackson non me ne voglia!

tortatrequartiactiodetail

banner-contest3

This entry was posted in CUCINA, dolci and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Action Cake! In memoria di Jackson Pollock

  1. Alice says:

    E meno male che hai partecipato!! Sarebbe stato un peccato non vedere la tua opera!
    Davvero molto bella Fabio, incredibile come sei riuscito a rendere l’impressione generale del quadro, un intrico di linee e colori difficilissimo da riprodurre…ma tu sei riuscito a rendere la torta davvero simile all’originale…bravissimo!
    Grazie davvero per aver partecipato. Io però adesso vorrei vedere quella foto di tanti anni fa davanti al Pollock originale…sono curiosissima!! 😀
    Buona giornata,
    Alice

    • Fabio Campetti says:

      Grazie Alice delle tue belle parole … in mezzo a tante cose da fare, sono arrivato anch’io anche se all’ultimo minuto … cerco le foto!

  2. cristina galliti says:

    Come fa a volertene, è quello che ha ispirato più di tutti la creatività degli chef con il suo dripping! Sua maestà Marchesi in primis!
    Bravo, ottima esecuzione 🙂

Rispondi a Alice Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *