Panzanella con Fichi e Acciughe

Chi non desidera piatti freddi con il grande caldo alzi la mano … ecco appunto, tutti d’accordo. E la panzanella, piatto della tradizione rurale toscana, è certamente un piatto che nessuno si sognerà mai di proporre in versione calda. Magari in versioni diverse dalla tradizione? Perché no.

E visto che oggi è il 1° settembre, vi propongo questa mia interpretazione come contributo alla celebrazione della Giornata Nazionale dei Fichi per il Calendario del Cibo Italiano.
Cosa c’entrano i fichi con la panzanella? C’entrano eccome, provare per credere, e se ci aggiungete un po’ di acciughe la vostra panzanella avrà una marcia in più, secondo me naturalmente.
Fra l’altro in questo momento siamo nel periodo in cui i fichi vanno a maturazione, e forse a causa del gran sole che hanno preso e della scarsa o quasi nulla pioggia, sono di uno zuccherino fantastico, motivo per il quale la prima raccolta dagli alberi intorno casa è già finita in pentola e poi in vasetto, oltre che sulla tavola, s’intende.

Piatto contadino per eccellenza e piatto principe per il riutilizzo del pane avanzato, la panzanella si presenta al palato sostanzialmente con una nota acidula dovuta soprattutto alla presenza dell’aceto, punto di forza bilanciato dal sapiente equilibrio degli altri ingredienti, cipolla, pomodoro, cetriolo e basilico.
In questa mia versione, oltre a saltare il pane raffermo in padella con l’olio e la cipolla per renderlo croccante, ho introdotto i fichi che riescono con la loro parte zuccherina a bilanciare se ben dosati la nota acida tipica di questo piatto. Ma i fichi sono una bella presenza anche in piccole dosi, e quest’anno ve l’ho detto, ancor di più del solito! E allora la sapidità decisa delle acciughe farà quadrare il tutto di sicuro, pensai quel giorno.
Ma lo pensai in verità prendendo ispirazione da un’altra ricetta che son solito fare quando i fichi son belli maturi, e che adesso vi racconto in breve, così celebriamo la GN dei Fichi con due ricette, va.


La ricetta in questione si chiama acciugata di fichi. Non l’ho inventata io, è una ricetta di tradizione còrsa, semplicissima e gustosissima, un antipasto che vi fa capire quanto fichi e acciughe vadano a nozze perfettamente. Si fa così, si prende la polpa di fichi verdini maturi e si mescola energicamente con acciughe sott’olio ridotte in polpa. Le dosi? No problem, andate piano piano a mescolare i due ingredienti e l’equilibrio lo trovate quando nessuno dei due sapori, il dolce dei fichi e il salato delle acciughe, predomina sull’altro. A questo punto tostate delle fettine di pane, irroratele di buon olio evo, spalmateci sopra la crema di fichi e acciughe, e finite la superficie di qualche rondella di cipollotto bianco … e la cena inizia di lusso, ve lo garantisco!
Ma torniamo alla nostra Panzanella 2.0

Ingredienti per 4 persone

2 fette di pane toscano raffermo ma non secco (gr 100)

1 cipolla rossa di certaldo (gr 150)

2 pomodori fiorentini costoluti (gr 200)

1 cetriolo (gr 200)

4 fichi verdini maturi

8 filetti di acciughe sott’olio

una dozzina di foglie di basilico

sale qb

pepe qb

olio e.v. d’oliva qb
gocce di aceto

Sbriciolate il pane con le mani scartando la parte della crosta eccessivamente dura e tagliate la cipolla a fettine sottili. Scaldate in una padella due cucchiai d’olio e fate imbiondire circa 2/3 della cipolla assieme al pane girando spesso. Spengete la fiamma quando il pane risulta leggermente croccante e mettete il composto in una ciotola versando sopra un poco di aceto a gocce. Unite i fichi tagliati a pezzettoni, le alici scolate dall’olio e tagliate anch’esse a pezzetti, il pomodoro e il cetriolo tagliati a dadini, il resto della cipolla cruda, le foglie di basilico spezzettate con le mani, quindi condite con olio, sale e pepe, e girate il composto prima di servirlo.

This entry was posted in antipasti, CUCINA and tagged , , , . Bookmark the permalink.

10 Responses to Panzanella con Fichi e Acciughe

  1. Molto curiosa questa accoppiata, da provare!
    A presto
    Michela

  2. Giuliana says:

    che delizia Fabio! L’accostamento mi attizza non poco, grazie perchè pur avendo una fervida immaginazione, non l’avrei detto!
    E credo che si possa sviluppare anche molto altro con gli stessi ingredienti.
    Un caro saluto. Giuli

    • kamp says:

      Ciao Cara Giuli! Un apprezzamento da te è sempre assai gradito 🙂 Devi provarlo e non tornerai più indietro!!
      Grazie a presto!! Un abbraccio Fabio

  3. Monica Costa says:

    Non avrei mai pensato a questo tipo di abbinamento…chapeau!!!
    Davvero complimenti….
    Un abbraccio
    monica

    • kamp says:

      Ciao Monica, grazie!! Secondo me tutto quello che apparentemente sembra impossibile va provato, e il risultato molto spesso è appagante 🙂 un caro saluto, Fabio

  4. Paola says:

    Panzanella…semplicemente fantastica! Bravo Fabio!

  5. alessandra says:

    No, vabbè, Fabio… tu pensa che l’altro giorno mi sentivo come Colombo di fronte all’America, dubbiosa di quella che credevo fosse una scoperta, vale a dire l’accoppiata fichi e acciughe.. e ora scopro qui che
    1. i Corsi ci sono arrivati da un bel po’
    2. Campetti al solito ci dà dei punti.
    Adesso non mi do pace, fintanto che non li provo. in versione originale e creativa.
    PS ti grazio, risparmiandoti il commento sulla foto del “fico tra i fichi”, ma solo perchè l’MTC deve ancora iniziare 🙂

Rispondi a Monica Costa Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *